Apericena reading and singing con Daniele Di Maglie “fra altiforni, raminghi adirati e sifoni sbuffeggianti”

372915_151429561677396_2010966552_nDANIELE DI MAGLIE
(cantautore, scrittore)

…tarantino di nascita e barese d’adozione, una laurea in Scienze politiche e una serie cospicua di concerti in tutta Italia, oltre a numerosi premi e riconoscimenti artistici, in particolare: Suoni di Vita, Premio IMAIE “L’altra musica”, Io Preferisco Cantautore (Premio al Miglior Verso “Giardini di Atrebil. Parole in libertà”), Musica è, Gioiosa Festival, “Cantieri per Bob Dylan” (alla presenza del quale, presso l’ “anfiteatro del mediterraneo” di Foggia nell’estate 2006, riceve il premio “Ettore Fieramosca”).
Nel 2001 incide un disco dal titolo “Non so più che cosa scrivo” (per conto dell’etichetta barese “Il cavallo giallo”) che riceve ottimi consensi di pubblico e critica (raccogliendo recensioni su quotidiani locali e nazionali, nonché su riviste specializzate come “L’isola che non c’era”, “Buscadero”, “Mucchio selvaggio” e tante altre).
Nel 2003, l’etichetta romana “Storie di note” decide di ristampare e di distribuire “Non so più che cosa scrivo” nei suoi circuiti a livello nazionale E sempre nello stesso anno riceve una targa per meriti artistici dal sindaco di Acquaviva delle Fonti, in occasione della terza edizione del “Jazzset festival”.
Pubblica un racconto sul “corriere del mezzogiorno” nell’ambito dell’iniziativa “romanzi d’estate”.
Nel frattempo diverse radio (locali e nazionali) danno spazio a interviste e mandano più volte in onda alcuni brani del disco (Radio 3, Popolare network, Radionorba, Controradio, l’Altraradio, Bari Canale 100, Primavera Radio, Radio Farfalla, Radio Onda Rossa, Radio Città del Capo ecc.).
Partecipa a quattro compilation, di cui una prodotta dalla Upr folk rock di Milano e distribuita da Edel, e si esibisce in numerosi festival importanti sul territorio nazionale, aprendo i concerti di: artisti del calibro di Moni Ovadia, Gang, Claudio Lolli, Zulu, Beppe Barra, Giorgio Conte, Caparezza e tanti altri…
Nel 2004, accanto all’amico e collega Angelo Ruggiero, compone e mette in scena una suite teatrale dal titolo “La gente pensa che i clown”, una lunga litania di cantati e recitati sul fantasmagorico mondo…
Tra il 2005 e il 2006 compone alcuni jingle pubblicitari: per il negozio di abbigliamento “Felice Casucci” di Acquaviva delle Fonti e per il rilancio della birra Raffo (orgoglio tarantino).
Sempre nel 2006, la canzone “Carmina Mundi” (estratta da “non so più che cosa scrivo”) viene utilizzata nel cortometraggio dal titolo “Canone” del regista laertino Daniele Tamborrino (il film risulterà vincitore del premio per la migliore colonna sonora al concorso nazionale “Menoquindici 2006 – città di Roma” e verrà poi trasmesso a più riprese da Coming soon television a partire dal 25 settembre 2010).
Nel 2007 le canzoni “la ballata del vecchio marinaio” e “come le porte senza gli occhiali” (sempre da “Non so più che cosa scrivo”) sono invece utilizzate nel cortometraggio “Hotel San Francisco” diretto dal regista barese Nando Vatinno e scritto dal giornalista e attore teatrale Carlo Stragapede.
Nel 2009 scrive il soggetto, le musiche e la sceneggiatura del cortometraggio sociale “il dottor Uova. Una storia d’altri tempi”, un progetto di cineterapia finanziato dalla Residenza protetta e Centro diurno Hotel San Francisco di Bitritto, interamente realizzato con “attori” diversamente abili dal punto di vista psichico (il progetto, col patrocinio della Regione Puglia, del Comune e della Provincia di Bari e della Apulia Film commission, è stato presentato il 10 marzo 2010 al Teatro Piccinni di Bari).
Ha appena pubblicato due libri:
– La ballata dei raminghi adirati (Il Grillo editore);
– L’Altoforno. L’Ilva nei racconti e nelle canzoni di un cantautore di Taranto (libro+cd, Stilo editrice).
E lavora alla definizione del suo secondo lavoro discografico, avvalendosi della collaborazione di numerosi musicisti (tra cui Simone Martorana, Cristò e Giovanni Chiapparino, Lelio Mulas, Gianni Gelao) e di un arrangiatore d’eccezione, Caparezza, per il brano: “L’uomo assente”.

SABATO 02 FEBBRAIO 2013

**A VILLA ROTH OCCUPATA**
**VIA ANNIBALE MARIA DI FRANCIA 17B**

APRIAMO I CANCELLI ALLE 20
CONTRIBUTO LIBERO ALL’INGRESSO

This entry was posted in Concerti e spettacoli teatrali. Bookmark the permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *